Suburra

Suburra prima di essere il nome della serie TV che il 6 Ottobre 2017 è stata trasmessa da Netflix, è sinonimo di quartiere malfamato, infatti la Suburra era il cuore della Roma degradata, che però veniva tollerata dal potere. Questo quartiere oggi corrisponde all’attuale Quartiere Monti, vicino i Fori Imperiali.
 
Oggi di quella che un tempo era l’antica Suburra resta solo il senso che si vuole intendere con questo termine, ovvero “insieme di quartieri malfamati presenti nelle grandi città”. Ma Suburra è anche il titolo di un libro che racconta la recente storia delle Roma criminale, da cui è stato tratto prima un film e una serie TV.
Nella serie si raccontano le storie di alcuni personaggi politici e criminali coinvolti nei loschi affari della capitale d’Italia. Sullo sfondo si vedono due Suburra:
  1.      Quella del Vaticano, dove troviamo Claudia Gerini che si occupa della revisione dei conti del Vaticano, e quella della politica, dove c’è Filippo Negri che lavora al Comune di Roma.
  2.      Quella di due famiglie criminali Adami e Anacleti.
Sembrerebbe, almeno all’inizio, che le due Suburra viaggino in modo completamente diverso.
 
La rivelazione di questa serie tv è Barbara Chiachiarelli che vesta i panni di Livia sorella di Aureliano. Livia, decisa e ferma nel suo spirito criminale, è capace di consigliare il padre nelle scelte che riguardano la famiglia. Il carattere fermo e deciso di Livia traspare anche dal modo in cui si presenta in ogni scena, sempre con tacchi vertiginosi e con vestiti che lasciano a bocca aperta.

Molto dello stile di Livia nel vestire si deve alla collaborazione tra la casa di produzione italiana Cattleya e D’Arienzo Collezioni, che alla serie TV ha fornito le giacche in pelle, come quella di Livia indossata in questa scena.




Prodotti correlati

Product added to wishlist